NAVIGAZIONE SATELLITARE E DINTORNI

                             

mercoledì 26 settembre 2012

Form di contatto - Comunicazione di servizio

Usando il form in questa pagina mi potete contattare, ma ricordatevi di inserire anche la vostra e-mail (oppure indicatela nel testo del vostro messaggio) altrimenti non potrò rispondervi!
Se invece preferire non usare la vostra mail, potete usare i commenti nella pagina di contatto (in tal caso la discussione sarà pubblica).



Continua...

venerdì 21 settembre 2012

Il logo delle nuove mappe Apple (e il salto dal ponte...)

Quando c'è in ballo Apple, anche le cose più banali fanno il giro della rete. Qualcuno ha già notato il logo delle nuove mappe Apple: sembra che indichi di svoltare buttandosi da un ponte.

La posizione del logo corrisponde con l'area vicino alla sede di Apple a Cupertino e il percorso indicato dal logo indicherebbe la svolta a sinistra tra la North De Anza Boulevard e la Interstate 280.

Il nuovo logo dell'applicativo mappe di Apple e la mappa di Google Maps dell'area corrispondente
Ovviamente non è possibile fare la svolta a 90° come indicato nel logo, ma bisogna passare dalla rampa come si vede dall'immagine sopra. Potete anche vedere l'area direttamente su Google Maps.


E' quindi possibile fare la svolta a sinistra, scendendo dalla allo svincolo per la I 280 (come indica il concorrente Google Maps e potete verificare anche usando Google Street View ).
Se si osserva il disegno del logo, la semplificazione delle rete stradale è tale che lo svincolo non è disegnato, quindi la svolta a sinistra non rappresenta altro che l'ovvia svolta (possibile) attraverso lo svincolo. 
Mistero risolto, senza nessuna necessità di saltare da ponti.
Sicuramente non sarà risolto il dibattito tra detrattori e fan di Apple, che continueranno a inondare il web di messaggi Pro e Contro l'azienda di Cupertino anche per banalità come quella appena descritta.

Scherzi sul logo a parte, sarebbe interessante invece capire quanto il servizio delle mappe sia accurato a confronto di Google Maps visto che le prime polemiche sul web non si sono fatte attendere.
Al momento non dispongo di un dispositivo iOS6 (ne penso che ne avrò mai uno :) ), ma se riuscirò ad avere accesso alle mappe proverò a fare qualche confronto con Google Maps. Qualcuno conosce se sia possibile accedere alle mappe Apple via web come per Google Maps?




Continua...

lunedì 17 settembre 2012

Isole Senkaku - Disputa Giappone e Cina

E' recente la notizia secondo cui la tensione tra Cina e Giappone sia a livelli molto alti a causa di una disputa sul controlla delle Isole Senkaku. Ci si potrebbe aspettare isole di particolare interesse economico o strategico.
Per meglio capire la situazione, ecco una mappa che mostra dove sono isole oggetto della disputa.
(Coordinate: 25.7410 N, 123.5088 E)

Posizione delle isole Senkaku, fonte Google Maps
Ma vediamo più in dettaglio di cosa si tratta: sono 5 piccole isole disabitate e 3 scogli.
Eccone la visualizzazione in Google Maps:


Visualizzazione ingrandita della mappa

Se non visualizzate le isole in Google Maps correttamente dal vostro browser, potete scaricare il  KMZ per visualizzarlo con Google Earth: IsoleSenkaku.kmz 



Continua...

domenica 16 settembre 2012

Orologio GPS

Il sistema GPS è fondamentalmente un grosso "orologio" perfettamente sincronizzato.
Per maggiori dettagli vi rimando a questo post: Il GPS e la misura del tempo 

Esistono orologi radio-controllati che sono in grado di sincronizzarsi a un segnale radio, ma la copertura di questi segnali non è globale.

Il Seiko Astron utilizza invece il GPS per sincronizzarsi, garantendosi così la possibilità di mostrare sempre ora e data esatte ovunque nel mondo con eccezionale precisione.
All'interno dell'orologio sono anche memorizzate tutte le zone di fuso orario per la regolazione automatica (usando il GPS l'orologio può ovviamente anche conoscere la posizione, quindi il fuso orario da impostare).
L'orologio è alimentato a energia solare, pertanto non richiede la sostituzione della batteria.
Certo... il prezzo non è proprio dei più abbordabili: si parla di prezzi tra i 2000 e i 3000 Euro... Io lascio perdere, ma se dovesse interessarvi potete visitare il sito ufficiale per maggiori informazioni: http://www.seiko.it/it-IT/notizie/seiko-astron-il-primo-orologio-gps-solare-al-mondo.htm



Continua...

giovedì 13 settembre 2012

Traffico marino in tempo reale con Google Maps

Il sito http://www.marinetraffic.com ha una interessante applicazione che integra Google Maps: mostra in tempo reale il traffico marino attraverso la raccolta dei dati del sistema AIS (http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_identificazione_automatica)

In breve l'AIS è un sistema studiato per evitare le collisioni tra navi e assistere le autorità portuali nella gestione del traffico marino.
I transponder AIS installati sulle navi includono un ricevitore GPS (per calcolare direzione, posizione e velocità del vascello) e un trasmettitore VHF che periodicamente trasmette i dati relativi a alla nave rendendoli pubblicamente disponibili. Il sito www.marinetraffic.com colleziona questi dati e mostra in tempo reale il traffico marino.

Nell'immagine seguente potete notare il notevole traffico del Canale di Panama.

Il traffico navale del Canale di Panama da www.marinetraffic.com (click per ingrandire)


Aggiornamento: mut (che ringrazio), mi ha segnalato che è disponibile anche un file KMZ che permette la visualizzazione del traffico navale in Google Earth.
Ecco un esempio: il traffico attraverso il Bosforo(Istanbul) visualizzatio in Google Earth.

Il traffico navale al Bosforo (click per ingrandire)
Potete scaricare il file a questo link:  MarineTraffic.kmz





Continua...

Raspberry Pi rev 2.0

La Fondazione ha recentemente annunciato una nuova versione del PCB Raspberry Pi.
Non si tratta assolutamente di una nuova versione del prodotto (come alcuni titoli su siti e blog sembrerebbero indicare...), ma di una più semplice revisione del PCB che corregge alcuni errori e aggiunge piccoli miglioramenti.
Se avete già un Raspberry Pi, non c'è alcun motivo di acquistare di la nuova revisione a meno che tra le piccole correzioni apportate non ve siano di indispensabili alle vostre applicazioni.

Una foto della nuova revisione di PCB del Raspberry Pi - click per ingrandire (fonte:  www.raspberrypi.org )

Ecco la lista delle novità:

Reset
E' stato aggiunto un circuito di reset: mettendo in corto i pin 1 e 2 del connettpre P6 si causerà il reset del BCM2835.

Alimentazione USB
E' ora possibile alimentare il Raspberry Pi attraverso un HUB USB autoalimentati, avendo l'accortezza di usarne uno con limitazione di corrente a 2.5A.

Support al Debug via JTAG
Sono stati scambiati due GPIO per permettere a un segnali di debug mancante di essere connesso al pin1 del connettore P1.

I2C
I canali I2C primario e secondario sono stati scambiati.

Collegamenti per l'identificazione della versione
I collegamenti sono stati rimossi in quanto inutilizzati.

Connettore di espansione addizionale
E' stato aggiunto un nuovo connettore P5 che aggiunge I/O addizionale che porta 4 segnali dal processore principale [BCM2835/GPIO28 – BCM2835/GPIO31] insieme a 5.5V, 3.3V e due 0V.

+5V0 Leakage su HDMI
Alcuni utenti hanno lamentato il fatto che lasciando un Raspberry Pi non alimentato connesso a un TV attraverso l'HDMI ci possono essere dei problemi nell'utilizzo del CEC per gli altri device connessi.
Il problema fu risolto in alcune versioni 1.0 rimuovendo il diodo di protezione ESD D14; la revisione 2.0 risolve il problema connettendo il diodo a +5V0_HDMI.

SMSC +1V8
L'alimentazione SMSC_1V8 è stata disconnessa dal dall'alimentazione del sistema.

Fori di montaggio
Sono stati aggiunti 2 fori di montaggio da 2.5mm

Serigrafia
Sono state apportate correzioni minori alla serigrafia.

Il post originale in inglese con tutti i dettagli si trova a questo link: Raspberry Pi - Upcoming board revision




Continua...

martedì 11 settembre 2012

New York e il WTC in Google Earth - 9/11

Google Earth e i modelli disponibili ci permettono di vedere i cambiamenti di New York a seguito delgli eventi del 11 settembre.

Abilitate gli edifici in Google Earth per vedere i lavori di costruzione:

WTC in costruzione in Google Earth
WTC in costruzione (click per ingrandire)
Potete disabilitare gli edifici cliccandovi col pulsante destro e selezionando "Nascondi" come si vede nella seguente immagine. Una volta disabilitati gli edifici in costruzione potrete caricare la versione originale e quella futura del WTC senza che gli edifici si sovrappongano.

Come nascondere gli edifici (click per ingrandire)

Ora possiamo caicare i files che mostra il World Trade Center con le Torri Gemelli prima dell'attentato: The Original World Trade Center 2.5.kmz
Qui trovate la pagina del modello in 3D Warehouse: The Original World Trade Center 2.5

Il WTC originale con le Torri Gemelle (click per ingrandire)
Per vedere invece come sarà il nuovo World Trade Center una volta completato, scaricate New World Trade Center.kmz
Qui trovate la pagina del modello in 3D Warehouse: New World Trade Center

Nuovo WTC in Google Earth
Il nuovo WTC come sarà una volta completato (click per ingrandire)


Continua...

lunedì 3 settembre 2012

Scaricare mappe gratis per navigatori Garmin

OpenStreetMap (abbreviato con OSM) è un progetto collaborativo finalizzato alla creazione di mappe (una sorta di Wikipedia delle mappe) con accesso gratuito e libero utilizzo. La differenza fondamentale di OSM rispetto ad altri servizi gratuiti come Google Maps e Bing Maps(per citare i più famosi) è che possiede una licenza libera: è cioè possibile utilizzarli liberamente per qualsiasi scopo con il solo vincolo di citare la fonte e usare la stessa licenza per eventuali lavori derivati dai dati di OSM.

Se possedete un navigatore Garmin apprezzerete il supporto che OSM fornisce per il vostro navigatore: è infatti possibile esportare le mappe in un formato compatibile e usare le mappe liberamente. Potete creare i file gmapsupp.img da copiare sul vostro navigatore.

A questo indirizzo trovate una lista di navigatori compatibili: OSM_Garmin - Mass_Storage
In questa pagina OSM_Map_On_Garmin invece trovate tutti i dettagli per l'utilizzo dei dati OSM sui Garmin. Questa pagina è ricca di particolari e spiega i vari tools utilizzabili, ma forse è un po' complicata. Se volete sperimentare velocemente con la creazione delle mappe e provarle sul vostro navigatore, vi progongo due alternative.



La più immediata è quella di scaricare le mappe già esportate da questo indirizzo: http://download.gfoss.it/osm/garmin/ Le mappe sono suddivise per regioni (dettagli qui: Mappe Italia per Garmin http://wiki.gfoss.it/index.php/Progetto_Toscana/garmin). Dovete solo scompattare l'archivio scaricato e copiare il file gmapsupp.img sul navigatore.

Se volete invece creavi una mappa personalizzata usate http://garmin.openstreetmap.nl/
Scegliete il tipo di mappa (normale o per bicicletta), selezionate Mapnik dal menù "TYP file". Ora selezionate l'area di vostro interesse (vi consiglio di iniziare con una mappa molto piccola) selezionando un'area predefinita (ad esempio l'Italia dal menù Europe). Potete personalizzare l'area selezionando "Enable manual tile selection" e cliccando sulla mappa per selezionare/deselezionare le aree.

Nell'immagine seguente potete vedere un esempio con l'area del Lago Maggiore selezionata, pronte per essere esportata. Notate in basso l'indicazione sullo stato del server: per esportare la vostra mappa infatti dovrete mettervi in coda. Inserite la vostra e-mail e quando il server avrà preparato la vostra mappa vi verrà inviato il link per scaricarla.

Creazione di una mappa personalizzata su  http://garmin.openstreetmap.nl/  (click per ingrandire)

Buona navigazione!

PS: Mi raccomando, fate attenzione a quello che fate col vostro navigatore. Se non siete sicuri dei passi da seguire chiedete informazioni. Non mi prendo la responsabilità se trasformate il vostro navigatore in un fermacarte! :)
Continua...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...